venerdì 30 settembre 2016

Magia del riordino metodo marie kondo


Da qualche giorno sono venuta a conscenza di una cosa che potrebbe cambiare la vita di molte donne, e cioè il metodo di riordine di Marie Kondo.
Il metodo Konmari, spiegato nel libro Il magico potere del riordino di Marie Kondo, insegna a liberarsi delle cose superflue e a riordinare la casa una volta per sempre. Facendo un “riordino eccezionale” completo e in un tempo ragionevolmente breve non avrai più bisogno di sessioni impegnative di decluttering e non rischierai l’effetto boomerang, cioè di tornare prima o poi a una situazione di disordine.

image

Visita il nuovo sito www.metodokonmari.com

Riordina per categorie

Secondo il metodo spiegato nel libro si riordina per categoria (e non per stanza), seguendo questo ordine: Abbigliamento, Libri, Carte, Oggetti misti, Ricordi.

giovedì 29 settembre 2016

Valore del Silenzio per Neonati

Valore del Silenzio per Neonati e Bambini Secondo Maria Montessori.


Il bambino e il neonato devono imparare ad ascoltare il silenzio e a rispettare spazi di vita in assenza di parole?

In un società dove il rumore invade ogni luogo i bambini hanno poca familiarità con la quiete, con l’ascolto di se stessi e con l’espressione sensoriale del sé senza verbalizzazione.

Tutti parlano, c’è sempre una voce, un rumore o una musica a riempire lo spazio e la vita del bambino. Poi, improvvisamente e senza nessuna preparazione, arriva la scolarizzazione e la maestra che chiede di “fare silenzio”, inteso come ascolto, riflessione e persino come ordine (accezione quest’ultima tal volta maltrattata e percepita anche in negativo).

stando in silenzio il bambino (o il neonato) stimola i sensi favorendo la percezione sensoriale del mondo esterno, la conoscenza tattile del proprio corpo e la conoscenza emozionale del proprio io.

I neonati possono essere tutelati in aree di silenzio riservate a momenti in cui la mamma e\o il papà entrano in un rapporto di alto contatto col piccolo. Si può stare in silenzio anche solo per pochi minuti massaggiando il bambino (cosiddetto massaggio infantile), facendosi dolci coccole sul lettone o instaurando un rapporto visivo ovvero trascorrendo qualche minuto a guardarsi negli occhi ascoltando i propri respiri e il battito del cuore.

Con i bimbi più grandicelli il silenzio può essere recuperato come un gioco: il gioco di guardare le stelle o le nuvole, il mare o il paesaggio, piuttosto che il gioco di ascoltare il proprio cuore o quello della mamma. Ovviamente stando in ascolto di sé, senza proferir parola e racchiudendo nella mente pensieri e emozioni da raccontarsi “più tardi” (ovvero nel momento della parola).
silenzio montessori

Bebe Vio per Anne Gedds

BEBE VIO PER ANNE GEDDES: GLI SCATTI DELLA CAMPAGNA PER LE VACCINAZIOENI CONTRO LA MENINGITE

Dal 19 settembre su facebook, abbiamo visto una foto che ha fatto soffermare molte persone, ed è lo scatto di Beatrice Vio con il braccio un bambino.
La diciannovenne veneta, colpita a 11 anni da una meningite fulminante, ha da poco vinto l’oro nel fioretto alle Paralimpiadi di Rio.
Lo scatto fa parte di una campagna per la sensibilizzazione sull’importanza di vaccinare i bambini contro la meningite“Win For Meningitis” è il nome dell’iniziativa, e la sua ideatrice è Anne Geddes, fotografa celebre per i suoi dolcissimi scatti di bimbi neonati.

La fiorettista Bebe Vio con Vincent

mercoledì 28 settembre 2016

Il favoloso mondo del portare.



Da prima di partorire ho sempre visto in giro e sul web ragazze con queste fasce super colorate che portavano i loro bebè, sia neonati che bambini di 2-3 anni, allora adesso che sono mamma mi sono decisa a sperimentare e entrare nel mondo del babywearning.
Non ne so niente per dare consigli, sono alle prime armi, ho ordinato la mia prima fascia e la aspetto con ansia, sul sito Little frog, consigliato da ragazze più esperte di me.
Vi farò sapere come procede la situazione.



La notte è fatta per le mamme


Ho lasciato questo blog con un pancione enorme e da li...
La mia vita è cambiata.
Il 12 agosto è nata la mia piccola 3,490 kg per 49 cm, è stato amore a prima vista, e non è solo un modo di dire...
Ricordo ogni istante ogni sensazione ogni odore di quella stanza, dove è venuta al mondo lei, dopo 5 ore e mezza di travaglio, un dolore che mai potessi immaginare, un dolore che ti toglie il fiato, ma quell'istante in cui incroci il suo sguardo tutto cambia e proprio quel dolore ti porta alla felicità.
Riprendo questo blog per condividere con voi consigli e molto altro sul mondo delle mamme ecc.